Archivi tag: fretta

ANF, PUFF, PANT.

Come dire, che qui non ci si riesce a fermare.

Volontariamente, consapevolmente, insensatamente ma senza alcun pensiero al rimpianto mi sono costruita una vita che necessiterebbe l’uso di cocaina in grandi quantità ma la cocaina costa e quindi picchissime. Ormai totalmente piegata al nomadismo-pendolarismo, viaggio con gli averi sparsi ai quattro venti (by the way: ma la mia gonna nera con la fibbia dove sta?) tra tre città le quali presentano le seguenti caratteristiche;

-la prima è grande, è bella ma ci vado a fare un lavoro che detesto;

-la seconda è media, umanamente gradevole anche se urbanisticamente detestabile ma ci vado a fare il lavoro che adoro;

-la terza beh, è piccola e lontana ma ci sta qualcuno che amo quindi ha anche lei il suo.

Manco a dirlo non distano una dall’altra cinque minuti ma tre quarti d’ora, all’anima, e la borsa del computer pesa. E giro con le maglie con le macchie di cibo, ma va bene anche quello.

Ma parliamo di cose serie, ovvero il numero di lavori contemporanei che un essere umano può fare. Per ora siamo a due e mezzo, laddove il mezzo è quello che ti elargisce soldi più sporadici e fai la sera prima di darti al letto-barra-diletto. Uno dei due principali serve a darti il pane, l’altro pure e magari un giorno ti nutrirai solo di quello ma devi diventare ancora un po’ più brava. È quello per cui hai studiato, ci è voluto un po’ ma eccoti qui, a fare quello che, sostanzialmente, stai facendo anche in questo momento. E adesso? adesso ti tocca farlo. E ti tocca farlo bene. E farlo una volta per tutte. Tanto, dì la verità, non ti costa molto farlo bene, che per come ti piace ti dimentichi pure di fare pranzo. Hai i vestiti sudati, perché per farlo corri da una parte all’altra della provincia, ma alla fine i vestiti sono fatti per essere sporcati dalla vita, no?

Accumuli cose buone, momenti caldi e morbidi, una mano ti rimbocca le coperte mentre ti stai addormentando. Accumuli cose buone e fai una scoperta: un tempo avevi paura ad accumularne, di robe felici, perché pensavi che il mondo avrebbe reagito con una sorta di meccanismo di contrappasso e per ogni dolce fetta di bene e coccole di vita ti avrebbe inflitto un sciabolata di malignità. Invece forse no, e per una semplice ragione: ogni dolce fetta di bene e coccole di vita ti costa il doverti fare un culo così per guadagnartela.

Ah, ecco dove stava il trucco.

10483829_768629369856585_7443237417565829259_o

copyright Chiara Bautista, as usual

Annunci